Puoi trovarci al numero di telefono0376 225656
Violenza sulle donne Il modello. Mantova diventa una reteGazzetta di Mantova, 31 maggio 2014

Si chiama "Modello Mantova" il progetto di rete territoriale per la prevenzione alla violenza di genere presentato ieri in Comune. Un piano per consolidare i progetti di supporto alla donna del territorio, possibile con 100mila euro finanziati dalla Regione, che nella persona dell'assessore Paola Bulbarelli ha lavorato per rafforzare i servizi e connettere fra loro associazioni e centri di aiuto. Fondamentale, ha sostenuto il prefetto Claudia Cincarilli, sarà mantenere un monitoraggio della situazione. «I femminicidi sono cresciuti in maniera esponenziale – ha sottolineato la Bulbarelli – la Lombardia è al secondo posto per chiamate al numero di emergenza riservato alle donne. Anche Mantova non è esente: nel 2012 le donne dimesse dal Poma con una diagnosi correlata a maltrattamento sono state 150». Il progetto è finalizzato a mettere in relazione istituzioni, pronto soccorso e associazioni. Patrizia Aldrovandi, presidente di Telefono Rosa, ha riferito di come le donne si sentano protette da un'assistenza in totale anonimato; la referente di Abramo onlus, Teresa Soetz ha spiegato invece come all'interno del centro accoglienza Casa della Rosa l'aiuto sia trasversale e coinvolga anche i bambini, spesso vittime di violenza domestica con le madri. Infine Teresa Spagna del Centro Aiuto alla Vita ha riportato casi di richieste provenienti addirittura da altre regioni.